Powered by JoomlaGadgets

VISITE

mod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_counter
mod_vvisit_counterOggi325
mod_vvisit_counterQuesta settimana325
mod_vvisit_counterQuesto mese3955
mod_vvisit_counterIntero periodo595751

Sito della Prof.ssa Angelucci
Un anno di post - 29 dicembre 2017 PDF

In questo 2017 mi sono dedicata più ai post da Home Page che alla condivisione di materiali didattici. E questi giorni di mezzo mi sembrano adatti per ripercorrerli assieme.

21/01/2017 – Il mestiere dell’insegnante e il mestiere dell’attore

In questo post (che si riallaccia alla conclusione dell’ultimo) ho provato ad approfondire la frase attribuita a Galileo Galilei: "Il buon insegnamento è per un quarto preparazione e tre quarti teatro".

28/01/2017 – Costruiamo consapevolezza – quando è possibile

La scuola si pone da sempre come trait d'union tra il passato (il bagaglio di cose che propone agli studenti) e il futuro (gli studenti stessi). Ma non è l’unico doppio crinale sul bordo del quale cammina: libertà – costrizione; consapevolezza – imitazione; creatività – routinarietà; ecc…

In questo rifletto su questi aspetti.

26/02/2017 – Ma questi compiti servono o no?

Qui nomino per la prima volta John Hattie e la sua ricerca.

Il post è in gran parte un taglia e incolla ragionato di questo post del blog genitoricrescono che, a sua volta, riassume a grandi linee le conclusioni di Hattie sul tema.

26/03/2017 –  "Classe Z" 

Per iniziativa di una collega, con contatti nel mondo del cinema, ecco piombare a scuola un’anteprima del filmetto: “Classe Z”. Della serie: ma che mi vieni a insultare a casa mia? Mah…

16/04/2017 – La scuola in Harry Potter

La saga di Harry Potter è ambientata in larga parte all’interno di una scuola. Nei libri ancor più nettamente che nei film.

L’autrice della saga conosce l’ambiente scolastico e lo rappresenta in maniera onesta.

Nonostante il contorno fantastico, quindi, in HP troviamo un’immagine di scuola realistico.

Non secondario, viene egregiamente mostrato come la scuola sia un luogo politicamente rilevante.

24/06/2017 - Elementi di analisi in terza liceo

Racconto brevemente una sperimentazione, che stiamo conducendo nella scuola in cui lavoro, volta ad anticipare argomenti di analisi in terza e in quarta liceo.

E’ stato tentato più volte. Non so con quali esiti. Da noi sta funzionando bene.

07/07/2017 - Senza parole 

Sulla questione “rifugiati politici” (e migranti in genere) e sulle misure scellerate che il nostro Governo ha adottato per non occuparsene.

23/08/2017 – Epidemia di epatite A in Europal

Dove promulgo una notizia che non ho trovato sui giornali e che mi sembrava degna di nota.

21/10/2017 – Qualche parola 

Pochi giorni dopo l’accordo con la Libia. Piccola bibliografia consigliata, un filmato e due articoli per approfondire un minimo la questione migranti.  

21/10/2017 - Problemi generici a scuola (aperti?)

Sollevo quattro questioni inerenti i miei studenti ma trasversali a tutte le materie, chiedendo segnalazioni di articoli scientifici che le affrontino (senza ricevere risposta): la (scarsa) proprietà di linguaggio; la difficoltà a memorizzare; il rispetto di luoghi, persone e ruoli; la motivazione allo studio.

28/10/2017 – Problemi specifici (aperti?)

Elenco aspetti critici inerenti le materie che insegno: la capacità di produrre rappresentazioni grafiche adeguate (e il persuadersi dell’importanza di questo specifico linguaggio, nell’apprendimento della matematica e della fisica); il tentativo (insensato e inutile) di imparare senza capire; il controllo linguistico (specialmente tecnico) e l’argomentazione;  il lavoro a casa.

11/11/2017 – Proviamo a cambiare prospettiva

E qui comincia un nuovo capitolo. E un nuovo ritmo (di pubblicazioni).

In relazione ai problemi presentati nei post precedenti – anche in virtù del fatto che non ho ricevuto nessuna risposta alle domande sollevate – ho deciso di raccontare a puntate il lavoro di John Hattie: Apprendimento visibile, insegnamento efficace.

In questo post, indico a larghe linee, le caratteristiche di tale lavoro.

19/11/2017 – Apprendimento visibile

Presento in maniera più precisa il lavoro di Hattie (in particolare, cosa intenda con effect size) e inizio a illustrare cosa intenda con apprendimento visibile.

26/22/2017 – La testardaggine degli insegnanti

Approfondisco ulteriormente cosa Hattie intenda con insegnamento e apprendimento visibile.

Condivido la posizione critica di Hattie nei confronti dell’atteggiamento dogmatico che hanno alcuni docenti verso le proprie pratiche, a prescindere dalla loro efficacia o meno (anzi, spesso nonostante la loro conclamata mancanza di efficacia).

Accenno all’importanza di rendere gli studenti insegnanti di sé stessi.

02/12/2017 – Facciamo caso all’effetto che facciamo

Uno degli aspetti più importanti cui gli insegnanti dovrebbero prestare attenzione, secondo le ricerche di Hattie, è l’effetto che la loro attività di insegnamento ha avuto sugli studenti.

Cercando più riscontri possibile e prima possibile.

09/12/2017 – Studenti insegnanti di sé stessi

In linea con l’ultimo tema del post precedente, racconto di come ormai gli studenti di quarta e di quinta liceo (che seguo dal primo anno) stiano divenendo via via sempre più autonomi: scoprendo procedimenti risolutivi avanzati o tenendo lezione al posto mio.

17/12/2017 – Noi e Loro 

Un po’ seguendo Hattie, molto a braccio, una riflessione sulle differenze tra le caratteristiche che avevamo Noi (studenti una trentina di anni fa) e che hanno Loro: gli studenti di oggi. E con le quali dobbiamo fare i conti, se vogliamo essere efficaci.

 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, e non utilizza cookie di profilazione. Per saperne di più sui cookie consultare la pagina Cookie Policy.

Accetto i cookie da questo sito.